Batman Arkham Knight - SCALEX SANREMO

Scalex Sanremo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Batman Arkham Knight

Ps3-Ps4 Games

Pagina sito a cura di Niccolò Bottazzi
Sviluppatori:

Developer Rocksteady Studios Iron Galaxy Studios (Windows)

Publisher Warner Bros. Interactive Entertainment/DC Entertainment/Square Enix (Japan)

Writer(s):  Sefton Hill, Martin Lancaster, Paul Crocker
Engine:  Unreal Engine 3
Release Date PlayStation 4, Xbox One, PC:  June 23, 2015

Genre Action-adventure, Beat 'em Up, Stealth
Modes play as a-player

PROLOGO


È passato poco più di un anno dagli eventi di Batman: Arkham City. Il quartiere di Arkham City è stato sgomberato ed ora ospita un imponente sito di costruzione. Un consorzio di uomini facoltosi, alla testa dei quali si trovavano Bruce Wayne e le Wayne Enterprises, aveva avviato un ambizioso progetto di riqualificazione urbana per trasformare quella zona disastrata nel più nuovo dei quartieri di Gotham City. Purtroppo le efferatezze compiute da Hugo Strange e dal suo maestro, Ra's al Ghul, spinsero molti giuristi ad interrogarsi sulla legittimità delle condanne dei detenuti della città-prigione. Molti processi vennero riaperti e tantissimi fra i più efferati criminali di Gotham vennero liberati a causa dell'ingiustizia delle loro precedenti sentenze. Persino Quincy Sharp, nonostante il suo legame con Strange, ne uscì pulito. In più, dopo l'inaspettata morte di Joker, Batman sembrò sparire, incupito da oscure preoccupazioni. Il commissario James Gordon decise infine di cremare il corpo del folle criminale in gran segreto, affinché nulla di lui restasse a tormentare la città. Il GCPD (Gotham City Police Department) e Batman si aspettavano un tumulto come risultato della sparizione di Joker, fra lotte di potere, bande di seguaci in preda alla follia, o atti criminali commessi dalla distrutta Harley Quinn. Invece non accadde nulla. Tutti i criminali della città, anche i più feroci, tennero un basso profilo. Per molti fu un segno che Batman, essendosi finalmente deciso ad uccidere la sua storica nemesi, era riuscito a spaventare i criminali di Gotham abbastanza da farli nascondere. Ma tanto Gordon, quanto lo stesso Cavaliere Oscuro, sapevano benissimo che sarebbe stata solo una questione di tempo, prima che qualcosa di terribile fosse accaduto.

Terrore


Durante la notte di Halloween, in un bar di Gotham, qualcosa di terribile accade: una sacca di gas della paura dello Spaventapasseri viene introdotta nel locale. Ma non è il solito gas allucinogeno, è una miscela nuova e più potente, che lascia effetti permanenti. I presenti immediatamente vengono colti da terribili allucinazioni, impazziscono ed iniziano a massacrarsi a vicenda. In pochi minuti sono tutti morti. Subito dopo, tutti i maxischermi della città iniziano a trasmettere il messaggio di terrore di Jonathan Crane: quello era stato l'effetto di qualche grammo del suo nuovo composto. Gotham avrà solo 24 ore, poi lo Spaventapasseri scatenerà l'inferno rilasciando il gas in tutta la città. In pochissime ore il caos esplode in città e dei mezzi vengono approntati per far evacuare la popolazione. La notte successiva la città è semi-deserta. Solo alcuni cittadini, la polizia ed i criminali sono rimasti: e per le strade esplode la guerra. I criminali come il Pinguino, Due Facce ed i loro simili, iniziano ad uscire dalle tenebre nelle quali si erano nascosti e a gettare il panico nelle strade. Gotham è in mano ai pazzi e la polizia non ha neanche lontanamente abbastanza uomini per farcela: Batman deve entrare in azione. Nessuno sa dove si trovi lo Spaventapasseri, né quali siano i suoi uomini. Girano voci strane su di lui: alcuni dicono che sotto la maschera il suo volto sia completamente sfregiato. Secondo alcuni è opera di Killer Croc (l'ultima volta che Batman vide Crane, stava venendo trascinato in acqua da Killer Croc, durante gli eventi di Batman: Arkham Asylum), secondo altri si sarebbe sfregiato da solo. Ciò che è certo è che la sua determinazione ha qualcosa di diverso, sembra un'altra persona. E soprattutto non è solo: in giro si parla di un complice misterioso. La polizia è troppo impegnata a sedare le rivolte, arginare la guerriglia urbana e prepararsi per una possibile diffusione del nuovo gas per investigare. Gordon fa del suo meglio, sollevato dal pensiero che sua figlia, Barbara Gordon, sia stata evacuata e che quindi sia al sicuro. Ma non è così. Barbara è in realtà Oracle, ed è rinchiusa nel suo quartier generale segreto con i suoi computer, per dare supporto tattico a Batman in una situazione tanto estrema. Oltre che su di lei, Bruce può contare sull'aiuto di tutti i suoi alleati: Lucius Fox e Alfred sono sempre in contatto con lui, mentre Robin (aka Tim Drake) sta pattugliando la città, aiutando chi ne ha bisogno. Batman ha un doppio compito: scoprire l'ubicazione di Crane e trovare il più in fretta possibile un antidoto per il nuovo potentissimo gas. L'unico indizio che si ha è la presenza di un veicolo militare in città di origine sconosciuta. Si tratta di un carro armato estremamente avanzato, qualcosa di ben al di là del solito arsenale dei criminali di Gotham: sul veicolo sono state dipinte delle insegne, come dei marchi, che ricordano molto il logo dell'ormai distrutto manicomio di Arkham. Batman rintraccia il tank a Chinatown e riesce a metterlo fuori gioco con la sua nuova Batmobile, un nuovissimo modello messo da poco a punto da Lucius Fox, equipaggiato con armi non letali di soppressione della guerriglia urbana e con veri propri cannoni bellici. Batman interroga il guidatore del veicolo militare, il quale gli parla di un rifugio dello Spaventapasseri a Chinatown. Batman lo stordisce e gli sottrae una siringa contenente il nuovo composto di Crane, mandandolo immediatamente ad Oracle per farlo analizzare nella speranza di trovare un antidoto e si dirige al rifugio indicatogli. Sfortunatamente quando vi irrompe non trova affatto lo Spaventapasseri, ma degli uomini che stanno tenendo in ostaggio Poison Ivy. Batman la libera e le chiede cosa voglia da lei Crane. Ivy non sa molto; era in prigione a Blüdhaven quando Harley Quinn ha fatto irruzione per liberarla e proporle un accordo. Voleva che si unisse a lei ed al consorzio di supercriminali messo in piedi di Crane e da un suo misterioso complice. Lei rifiutò, e venne fatta prigioniera. Crane ha un piano per Gotham, qualcosa di grosso, e non sono ammessi dissidenti. Batman scorta Ivy al commissariato, sotto al quale sono state allestite un'infermeria ed una prigione di emergenza. Ivy viene rinchiusa in una cella speciale e mentre ogni poliziotto della città fa del suo meglio per gestire il caos dilagante, Batman continua la sua caccia. Ora è diretto alla Torre dell'Orologio di Gotham, dove Oracle ha il suo quartier generale. Le indagini di Oracle hanno prodotto meno risultati di quanti Bruce sperava. Barbara è ancora lontana dal capire come agisca il composto o come neutralizzarlo; l'unica cosa certa è che la sintetizzazione di una simile sostanza richiede un processo che produce uno specifico picco di radiazioni. Batman e Oracle scansionano la città alla ricerca di quella marca energetica, individuando il sito di produzione della tossina di Crane: i nuovi laboratori della ACE Chemicals. È lì che Batman deve dirigersi immediatamente se vuole impedire che in città venga rilasciato il gas. Gordon viene informato e si dirige agli stabilimenti con tutti gli uomini che dispone. Batman invece frena i tentativi di Robin di raggiungerlo per aiutarlo: Tim deve restare dov'è; sta lavorando a qualcosa di troppo importante. Ma Bruce sa che dovrà affrontare tutte le forze di Crane in massa per cui si fa inviare da Fox la nuova corazza da lui concepita: un'armatura più resistente, leggera e flessibile.


THE ARKHAM KNIGHT


Quando però Batman arriva agli stabilimenti e si ricongiunge col GCPD, riceve una brutta sorpresa: gli stabilimenti ACE ospitano centinaia di uomini armati, decine di carri armati e armi di ultima generazione. Degli aerei da cargo stanno atterrando lì facendo scendere truppe armate sufficienti ad occupare l'intera città in un vero e proprio assedio. Alla testa di questo esercito c'è un uomo misterioso, una faccia nuova, il complice di Spaventapasseri. Nessuno sa nulla di lui, tranne che si fa chiamare "Il Cavaliere di Arkham". Oracle non riesce a trovare informazioni su di lui, tranne qualche voce che lo collocherebbe a capo di una struttura di addestramento militare in Venezuela e le informazioni riguardanti un enorme esborso di denaro per il pagamento di centinaia di mercenari, di tutte le loro attrezzature e di svariate basi a Gotham. Bruce riesce a salvare i superstiti fra gli impiegati della ACE Chemicals tenuti in ostaggio e scopre che Crane è all'impianto di depurazione. Ha sintetizzato galloni della sua tossina ed ora li vaporizzerà e farà esplodere l'intero stabilimento, creando una nube di gas allucinogeno che ricoprirà l'intera Costa Ovest degli Stati Uniti. Batman deve correre a fermarli, ma viene intercettato e bloccato dal Cavaliere di Arkham. La corazza che il misterioso criminale indossa ricorda molto quella dello stesso Batman, salvo il fatto che cela completamente il suo viso e ne camuffa la voce. Il Cavaliere di Arkham dimostra subito di non essere affatto un mercenario qualsiasi: quali che siano i suoi legami con Crane e l'origine della loro alleanza, questo nuovo nemico è un combattente fenomenale, quasi quanto lo stesso Batman, e, cosa ancora più importante, conosce il Cavaliere Oscuro alla perfezione, ogni sua tecnica, ogni punto debole ed ogni gadget. Lo conosce come le sue tasche e non ne fa un mistero, vantandosene e dimostrando tutte le sue conoscenze. Potrebbe uccidere Batman, ma non lo farà, Crane ha dei grandi piani per lui e deve arrivarci vivo. Ciononostante Batman deve anche essere fermato prima che metta i bastoni fra le ruote a Spaventapasseri e quindi Il Cavaliere di Arkham gli manda contro tutti i suoi uomini e decine di carri armati. Batman riesce a sconfiggerli usando la Batmobile e, nonostante tutti i loro sforzi, riesce a raggiungere la stanza in cui si trova Crane. Lo Spaventapasseri è nella sala di controllo e sta finendo di sintetizzare gli ultimi galloni di sostanza, pronto a farla esplodere, quando Batman vi irrompe. Dinnanzi a lui, Crane compie qualcosa di inatteso: si arrende, asserendo "Ho il pieno controllo di tutto." Batman lo torchia per farsi dire come fermare la reazione, ma lui gli risponde che se non lo lascerà andare, Barbara Gordon morirà. Batman, incredulo, cerca di chiamare Oracle, ma le comunicazioni con la torre sono interrotte. Il Cavaliere di Arkham l'ha presa. Approfittando della sua distrazione, Crane fugge e sigilla Batman nella sala di controllo. Mancano pochissimi secondi all'esplosione. Batman deve scegliere se usarli per tentare di fuggire o per disinnescare l'esplosione. Batman inizia ad immettere l'agente neutralizzante nelle cisterne di tossina dello Spaventapasseri. Non fermerà l'esplosione, ma ridurrà enormemente la gittata della nube di gas, circoscrivendola al solo stabilimento. Tutto si fa confuso mentre Bruce completa la complessa procedura inalando sempre di più il gas della paura che sta eruttando da ogni condotto. Le voci di Alfred e Robin che lo supplicano di uscire si confondono. Bruce è pronto a morire.

Riesce ad ultimare il compito, ma alla fine è stremato dalle allucinazioni: si volta e si trova davanti il Joker, vivo ed ancora malato, che ride e gli spara in testa.

L'ombra del passato


In un flashback si ripercorrono degli eventi accaduti alcuni mesi prima: Batman fece venire Gordon in un suo rifugio segreto nella zona in cui sorgeva Arkham City. Qui ha messo in piedi un vero e proprio centro di ricerca per risolvere una crisi gravissima. Quando, durante gli eventi dell'anno precedente, il Joker inviò decine di sacche del suo sangue infetto a tutti i centri trasfusionali di Gotham, Batman ed i suoi alleati riuscirono a prevenire il dilagare della sua infezione e a ritirare tutte le sacche trasfusionali. Ma nel caos di quei giorni, qualcuna sfuggì, e quattro persone (un professore, una broker, un cantante ed un wrestler) furono contaminate dal sangue infetto a causa di trasfusioni non registrate. Mesi dopo tre di quelle quattro persone iniziarono a manifestare sintomi di un inspiegabile alterazione della personalità. Pian piano anche alcuni loro tratti fisici stavano mutando: la pelle stava impallidendo ed i capelli stavano divenendo verdi. Quelle persone erano state infettate da una forma aggressiva e incredibilmente evoluta della malattia di Creutzfeldt-Jakob: stavano diventando il Joker. Solo tre di loro stavano manifestando questi sintomi. Il quarto, il prof. Henry Adams, era inspiegabilmente immune. Batman, una volta scoperta questa orribile verità, fece qualcosa di terribile: rapì queste quattro persone e le rinchiuse per studiarle. Monitorando il paziente immune avrebbe potuto sintetizzare una cura. Nonostante le sue buone intenzioni, Batman aveva commesso un reato gravissimo. Ma Batman e Jim Gordon sono amici oltre che alleati e Bruce voleva essere sincero con lui e dirgli tutto. Ma Jim notò che in quel laboratorio segreto c'erano quattro prigionieri, ma cinque celle. Batman afferma che il quindo è ancora libero, ma per poco

Poi la crisi scatenata dallo Spaventapasseri esplose e Batman fu costretto ad abbandonare il laboratorio, lasciando le ricerche in mano a Robin.

LEGAMI SPEZZATI


Batman si riprende lentamente. Si trova ancora all'interno della sala comandi della ACE Chemicals. È riuscito a ridurre drasticamente l'efficacia della tossina, ma l'impianto sta per esplodere. Il Joker è ancora in piedi davanti a lui. Lo chiama per nome, parla di cose che non può conoscere: è un'allucinazione causata dal gas dello Spaventapasseri. Un gas con cui è stato profondamente intossicato e che lo tormenterà per chissà quanto tempo. Batman usa la Batmobile per distruggere la porta blindata del centro di comando e con essa fugge verso l'esterno. La ACE Chemicals salta in aria, eruttando una piccola nube tossica prima di crollare in frantumi nell'acqua della baia. Gotham è salva per ora, ma quella non era la fine del piano dello Spaventapasseri, ed il Cavaliere di Arkham nel frattempo, oltre ad aver rapito Barbara, ha dispiegato i suoi uomini per tutta la città rendendola di fatto una zona di guerra. Bruce sfreccia verso il commissariato, tormentato ancora dalle visioni del Joker; deve raccontare tutto a Jim Gordon e dirgli di sua figlia. Gordon aspettava Batman preoccupatissimo dopo aver visto l'esplosione. Il Cavaliere Oscuro gli racconta tutto e gli dice che sua figlia è stata rapita. Gordon è atterrito ed incredulo, avendo creduto che la figlia fosse al sicuro, fuori da Gotham City. Bruce scorta il suo vecchio amico alla Torre dell'Orologio per indagare insieme sulla sparizione e lì gli racconta tutto. Di come Barbara fosse stata Batgirl prima che il Joker la paralizzasse e di come da quel giorno avesse continuato a lavorare per lui come Oracle. Gordon va su tutte le furie e gli urla in faccia che è un pazzo e che non avrebbe mai dovuto fidarsi di lui. Nonostante il pericolo è determinato ad andare alla ricerca di sua figlia. Ma stavolta lo farà da solo. Batman capisce che ha appena perso il suo più grande alleato. Batman dovrà rimediare a quanto accaduto, e per ritrovare Barbara analizza le telecamere a circuito chiuso della Torre dell'Orologio, per capire dove e in che modo è stata portata via. Le telecamere riprendono chiaramente Il Cavaliere di Arkham che porta via Oracle caricandola su di un furgone. Tramite lo scanner della Batmobile, Il Cavaliere Oscuro segue le particolari orme degli pneumatici che potrebbero permettere di scoprire al detective dove effettivamente Barbara è stata portata, ma tutto ciò che trova è la carcassa della macchina andata in frantumi a causa di un incidente. Tramite le sue doti investigative e il suo arsenale di gadget, Batman ricostruisce l'intera scena dell'incidente, trovando un indizio lasciato da Barbara: uno scrambler criptato contenente i dati necessari a impostare l'attrezzatura del suo costume e della Batmobile per captare le comunicazione del Cavaliere di Arkham e rintracciarlo. Giunto alla sua base, Batman affronta nuovamente il Cavaliere di Arkham e viene sconfitto. L'avversario lo ferisce sparandogli e poi gli manda contro i suoi uomini ed altri carri armati. Ma Batman riesce a sconfiggere i nemici ed infine insegue il Cavaliere di Arkham per le strade (quest'ultimo era salito su un blindato) ed infine disabilita il mezzo, solo per scoprire che dentro al blindato vi è un uomo del Cavaliere e non lui. Il Cavaliere lo schernisce su un canale criptato affermando di essere un passo avanti a lui. Batman va dunque su tutte le furie e torchia lo scagnozzo del Cavaliere per ottenere informazioni, il quale gli dice di dirigersi dal Pinguino, visto che è stato lui ad armare il Cavaliere.

RECENSIONE:

La trama di questo Batman, come nei precedenti,non delude e amalgama bene situazioni di suspence, azione e, a volte, di riflessione.
Ovviamente la storia risente dell' assenza di Joker come antagonista, tuttavia l'Arkham Knight (lo chiamo col nome originale, perchè in italiano rende meno) riesce a tenere bene la scena e può essere considerato il vero nemico del gioco, mettendo lo Spaventapasseri in secondo piano. Proprio per questo sono rimasto deluso dal fatto che non si ha mai un vero  scontro con lui e che "sparisca" molto prima della fibne del gioco; avrei molto apprezzato che la sua identità (un po' troppo semplice da capire, vista la quantità di indizi presenti nel gioco) venisse rivelata solo e che creasse un'atmosfera intensa. Mi lascia perplesso una cosa: durante il gioco, l'Arkham Knight potrebbe uccidere Batman un paio di volte tuttavia, su ordine dello Spaventapasseri, lo lascia in vita; fino a qua (anche se con un po' di fatica) posso capire, ma, se nel loro piano Batman deve essere vivo, perchè i miliziani al loro comando tenteranno sempre di ucciderlo? Questo errore si riscontrava già in Arkham City, dove Joker aveva bisogno che il Cavaliere Oscuro trovasse una cura, però, allo stesso tempo, gli mandava contro molti dei suoi scagnozzi. Ultimo commento sui nemici: sono leggermente deluso dell'assenza di molti nemici classici di Batman (Bane, Killer Croc,....,) e quelli presenti hanno solo un piccolo ruolo nelle rispettive missioni secondarie. Capisco che fosse complicato mettere molti nemici e riconosco anche che di antagonisti ce ne è, semplicemente avrei preferito qualcuno dei calssici e non altri semi-sconosciuti (come il diacono Blackfire). Ah estremante felice della presenza di Deathstroke (personaggio che adoro in ogni apparizione) peccato per la breve parte e per la mancanza di uno scontro diretto come in Origins (uno degli scontri più belli di sempre).
Andando sul fronte eroi, poco da dire: è bellissimo poter vedere fisicamente molti degli alleati di Batman e poterne addirittura controllare qualcuno, anche se per poco.
Ma ora parliamo del protagonista. In questo gioco Batman avrà un nuovo costume (parlerò dopo delle funzioni) che assomiglia più ad una corazza che ad una tuta. Per chi non dovesse  aprezzare il nuovo look (anche se personalmente mi pare ottimo), sarà possibile, tramite il menù principale, mettere la tuta "classica" dell'eroe mantenendo le capacità della nuova; inoltre vi sono una quantità esagerata di skin da scaricare sia per Batman che per la sua auto.
Durante la storia, sarà ancora più cupo, brusco (non che di solito fosse un simpaticone) e molto scosso dalla morte della sua nemesi. Nel gioco vi sono una paio di momenti in cui  si potrebbe vedere un po' di emotività nel personaggio (non faccio spoiler per non rovinare le sorprese), che invece reagisce come se nulla fosse o riprendendosi dopo una manciata  di secondi. La tossina di Crane unita al sangue del Joker, fa in modo che Batman abbia allucinazioni su quest'ultimo (per buona parte del gioco sarà al nostro fianco, parlandoci e schernendoci  come se fosse un amico immaginario) che tenterà di prendere il sopravvento sulla mente del Cavaliere Oscuro e, di conseguenza, "possederne il corpo".
SPOILER:
Sarebbe stato bello vedere un Batman/Joker verso il finale, tuttavia ciò non accadrà e il protagonista sconfigger il Joker che è in se in seguito a una "battaglia" nella sua testa.
Onestamente pensavo che la morte di Batman, tanto sbandierata nei trailer e durante il gioco, si riferisse a questo, invece l'unico collegamento è l'esplosione di Villa Wayne in cui Bruce dovrebbe morire; tuttavia il corpo non viene mostrato e nel finale completo viene fatto vedere un nuovo Batman dall'aspetto demoniaco. Quindi la "morte" non è ne fisica ne metaforica e non capisco perchè abbiano voluto creare quest'atmosfera da fine drammatica per poi non concludere nulla.
FINE SPOILER
Passiamo alle meccaniche di gioco. I combattimenti sono più fluidi e si aprezzano le nuove tecniche e la possiblità di interagire con l'ambiente circostante, si sono semplificati a causa della scomparsa dei nemici "corazzati" che sono rimpiazzati dai bruti, che però compaiono poco.
Per gli scontri predatore invece sono rimasto deluso per vari motivi:
-Un generico abbassamento della IA
-La scelta di rendere alcuni KO (da sporgenza, da grata,..,) silenziosi, rendendo troppo facile neutralizzare molti nemici prima che si rendano conto della vostra presenza
-Il nuovo multi-KO del terrore che permette di neutralizzare 3 nemici insieme (se potenziato si arriverà fino a 5) e che si ricarica dopo un KO silenzioso e alla fine della stanza predatore
-Il numero esiguo di questo tipo di scontri
-La presenza di alcuni gadjet che permettono di eliminare facilmente i nemici (controllore remoto, decodificatore vocale..,)
-Gli ampi spazi in cui esse si svolgono isolano i nemici e permettono di prenderli facilmente uno per uno
-Poche possibilità di sfuttare l'ambiente (punti di vantaggio, muri deboli, estintori,..,)
Ho apprezzato i nuovi tipi di nemici (corazze stealth, medici...) che aumentano la sfida, ma presenti sempre in numero ridotto e facilmente neutralizzabili.
La Bat-mobile ha la giusta velocità e, dopo poco tempo, si impara ad usarla bene. I combattimenti con essa e gli inseguimenti sono divertenti e sono molto felice che Rocksteady non abbia fatto di essa l'elemento cardine del gioco, ma sia solamente di supporto.
Le missioni secondarie sono varie e alcune aumentano considerevolmente la durata del gioco (che dovendo essere finito al 100% per vedere il finale completo ha spinto molti a completare tutto), sono un po' ripetitive,ma non può essere tutto perfetto.
Ultimo argomento: i DLC
Personalmente gli ho trovati molto belli, soprattutto quelli che permettono di usare un cattivo e spero che ne esca uno sull'Arkham Knight che permetta di vedere la stroria principale dal suo punto di vista.





Torna ai contenuti | Torna al menu