Codemasters F1 2010 - SCALEX SANREMO

Scalex Sanremo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Codemasters F1 2010

Ps3-Ps4 Games



Tre anni dopo la semi fallimentare uscita su PlayStation 3, torna la classe regina delle gare a ruote scoperte, e lo fa con un titolo multipiattaforma realizzato da un nuovo sviluppatore (Codemasters), che ci permette di vivere nella sua interezza tutto il Circus, non solo quindi il weekend di gara, ma anche i rapporti con la stampa e il proprio agente, ma soprattutto la difficile coabitazione con il compagno di scuderia. Stiamo ovviamente parlando della modalità Carriera, piatto forte della produzione della software house inglese. La stampa è la cartina da tornasole delle nostre performance: inizialmente ci porrà una serie di domande utili per le impostazioni di base del nostro pilota, come il nome e la nazionalità, e sempre attraverso la bella giornalista sarà possibile selezionare il livello di difficoltà tra i quattro disponibili; successivamente ci sottoporrà alle inevitabili domande pre e post gara. Decise le impostazioni di base sceglieremo con quale scuderia intraprendere il nostro cammino verso i top team. Non è possibile infatti sederci subito a bordo di Ferrari o Red Bull, ma come giusto che sia ci vengono messi a disposizione veri e propri polmoni come l'HRT, la Lotus o la Virgin, auto buone solo per metterci in mostra nel corso della stagione, aspirando quindi ad un contratto più remunerativo con altre scuderie, ma soprattutto a piazzamenti almeno a ridosso della zona punti.

Uno dei punti di forza della produzione Codemasters è quindi la gestione delle stagioni della carriera (da un minimo di tre a un massimo di sette anni). Molto intelligentemente non si tratta solamente di vincere, cosa praticamente impossibile con un HRT, ma soprattutto di arrivare davanti al proprio compagno di squadra, tanto nella conta dei giri veloci, quanto nella pole e, ovviamente in gara. Questo si traduce nella possibilità di dirigere lo sviluppo della vettura, selezionando cosa ricercare e quindi di fatto costruire col tempo il proprio stile di guida. In pratica la prima stagione, vista la mancanza di obiettivi di alto profilo, è una lotta intestina col proprio compagno costantemente da battere per essere il top driver della scuderia, direttamente nei box, seduti nella nostra monoposto possiamo tenere sempre sott'occhio l'evoluzione della sfida. Questo sistema funziona davvero bene, ci costringe praticamente a non risparmiarci mai, anche nelle prove libere e soprattutto ci dà uno stimolo in più nei momenti iniziali quando è molto realistico vederci doppiati dopo pochi giri dalle vetture di testa. Gli obiettivi sono quindi ben strutturati, tra la posizione minima di gara e quella "di scuderia", il weekend di gara, sia esso corto o lungo, non sarà mai parco di emozioni e di condizioni da superare, il tutto messo alla frusta da una gara che è sempre un terno al lotto, soprattutto nei momenti successivi alla partenza, quando la bagarre alla prima curva diventa spesso e volentieri un vero e proprio autoscontro.
Un'altra delle varianti messe in gioco da Codemasters per rendere più realistica l'evoluzione della carriera è il rapporto coi media, sottoforma di brevi interviste a risposta multipla. Le domande ad esempio chiedono il nostro punto di vista sulla gara, sugli obiettivi a breve e lungo termine e sui meriti delle nostre prestazioni. Essere modesti, coi piedi per terra e non dimenticarsi mai di ringraziare la squadra è un buon viatico per avere buoni rapporti con la scuderia, cosa questa si suppone sia importante nell'ottica dello sviluppo della vettura.
Purtroppo le domande tendono a ripetersi piuttosto spesso, e anche volendo essere sbruffoni con la stampa, se gli obiettivi di gara sono stati raggiunti non sembra esserci un impatto forte del nostro pensiero sul proseguo della stagione. Non sarà una feature fondamentale questa a livello di gameplay, ma certamente funziona per rendere la messa in scena della stagione ancora più realistica e "televisiva".


Quello che molti si staranno chiedendo è se F1 2010 sia un gioco simulativo o no, se a questa ricerca della verosomiglianza pre gara, faccia riscontro un comportamento della vettura puntuale e credibile. Nel gioco la ricerca della fedeltà simulativa è data da una molteplicità di fattori, non solo quelli strettamente relativi alla fisica di guida. Nel paddock, e per la precisione nel nostro motorhome, che come in DIRT funge da hub centrale da dove muoverci attraverso le varie modalità di gioco è possibile stabilire in che modo giocare il titolo. Giocando con gli aiuti attivati, ad esempio ABS e Traction Control, disattivando i danni e "automatizzando" le soste e l'ingresso ai pit e tenendo al minimo l'invasività dei giudici di gara, con le sanzioni scontate a fine gara, il titolo si lascia giocare con grande facilità, senza comunque scadere in un'eccessiva facilità di utilizzo. Come giusto che sia la fisica della vettura perdona maggiormente escursioni sull'erba e aperture improvvise del gas sui cordoli, ma più in generale non è possibile correre alla leggera: arrivare lunghi alla staccata, tagliare le curve o tamponare le vetture che ci precedono si traduce in preziosi secondi extra che ci fanno perdere la posizione guadagnata in gara.

E' possibile "riavvolgere" fino a un massimo di quattro volte il tempo per ripetere una sezione in cui si è sbagliato alla grande, ma più in generale non si ha mai la sensazione di correre con l'autopilota attivato, e complici gli obiettivi di gara si rimarrà letteralmente incollati al monitor, concentrati al massimo per non sbagliare nulla, arrivando sani e salvi al traguardo. Il discorso cambia del tutto se si decide di giocare realisticamente, tanto nel comportamento della vettura, quanto nel regolamento, con danni e usura delle parti meccaniche che pregiudicano le prestazioni. La prima cosa che salta all'occhio, dopo le prime fisiologiche sbandate causate dalla trazione non più addolcita dall'elettronica è che i danni non sono così realistici come l'impostazione del titolo potrebbe far pensare. Alettoni e musetti si spezzano, gli pneumatici saltano e si bucano, ma di fatto, probabilmente a causa di una scelta di design non troppo punitiva per evitare di arrivare troppo spesso a lanciare il pad verso il monitor, gli scontri sembrano mettere in scena conseguenze non così traumatiche rispetto a quanto accaduto. Le rotture ci sono, ma urti a velocità massima non comportano il ritiro, l'impressione è che il tutto sia stato sottodimensionato per fare comunque in modo di portare a termine le gare

SCALEX SANREMO

Quella che trovate sopra è la trascrizione della recensione fatta per multiplayer, uno dei siti più professionali ed aggiornati in materia.

A destra abbiamo inserito una parte degli assetti utilizzati in modalità carriera alla guida della Williams Cosworth. Nessun aiuto frenata, inserito ABS, difficoltà IA "esperto": attenzione ogni F.1 ha un assetto differente, ed ogni pilota ha uno stile di guida diverso, pertanto non è detto che quanto riportato in tabella possa funzionare sempre in ogni condizione.....basta provare !

E' indispensabile per ottenere dei buoni risultati e progredire tanto nella carriera quanto nello sviluppo della macchina, avere un buon set-up.
Non avendo trascritto completamente gli assetti, man mano che verranno modificati e migliorati con la seconda stagione, provvederemo ad inserirli.

Inoltre per una migliore e più esaustiva analisi, inseriamo link dal quale potrete ottenere preziosi consigli e molteplici assetti aggiornati per ogni circuito nelle varie condizioni atmosferiche.

http://www.racedepartment.com/f1-2010-setups/


Grand Prix

Aereodinamic

Frenata

Bilanciamento

Sospens

Allineamento

Bahrain

Fr. 3

Re: 1

48/52  High

f80 r20 2/7

1/1  5/6

-1,20 -3,00 0,09 0,35

Australia

Fr. 3

Re. 1

50/50  High

f80 r20 1/8

2/2  6/7

-1,40 -3,00 0,09 0,35

Malesya

Fr. 5

Re. 2

49/51Medium

f80 r20 1/8

1/1  4/7

-1,00 -2,80 0,09 0,35

China

Fr. 3

Re. 2

49/51Medium

f50 r50 11/11

1/1  9/10

-1,50 -3,50 0,15 0,50

Spain

Fr. 5

Re. 4

51/49  High

f50 r50 4/6

3/3   6/7

-1,40 -3,40 0,14 0,47

Monaco

Fr.11

Re  9

46/54  High

f60 r40 4/5

2/2 5/4

-1,30 -2,80 0,09 0,32

Turchia

Fr. 3

Re. 2

48/52  High

f40 r60  6/8

2/3 6/7

-1,30 -3,10 0,09 0,35

Canada

Fr. 2

Re. 2

52/48Medium

f80 r20  2/8

1/1 7/8

-1,20 -3,00 0,09 0,38

Europa

Fr. 6

Re. 6

50/50Medium

f50 r50 11/11

2/2 8/8

-1,00 -3.00 0,10 0,35

England

Fr .4

Re. 3

50/50Medium

f50 r50 4/11

2/2 5/5

-1,00 -3,00 0,13  0,44

Deutschland

Fr. 3

Re. 1

45/55 High

f50 r50 4/6

1/1  7/8

-1,50 -3,50 0,13 0,44

Hungary

Fr. 6

Re. 9

50/50 high

f50 r50 5/6

4/6  9/4

1,20 -3,20 0,11 0,38

Belgium

Fr. 3

Re. 1

46/54 high

f70 r30 2/11

1/1  7/7

-1,50 -3,50 0,15 0,50

Italia

Fr. 2

Re. 1

50/50 high

f50 r50 3/3

7/7  3/3

-1,30 -2,70  0,14 0,23

Singapore

Fr. 6

Re. 5

51/49 high

f60 r40 4/6

3/3  7/8

-1,10 -3,00  0,09 0,35

Japan

Fr. 4

Re. 1

50/50 High

50f 50r 11/11

1/1 11/11

-1,50 -3.50 0.15 0.50

Korea

Fr. 3

Re. 1

50/50 Mediu

50f 50r 4/9

1/1  5/5

-1.20 -3.10 0.12 0.44

Brazil

Fr. 3

Re. 4

52/48 High

80f 20r 2/7

2/2  7/8

-1.20 -3.00 0.09 0.38

Abu Dhabi

Fr. 7

Re. 1

52/48 High

80f 20r 11/11

1/1  7/8

-1,50 -3,50  0,15  0,50

1

Vettel

Red Bull

275

2

Alonso

Ferrari

268

3

Webber

Red Bull

237

4

Hamilton

McLaren

220

5

Button

McLaren

212

6

Schumacher

Mercedes

135

7

Massa

Ferrari

109

8

Kubica

Renault

108

9

Rosberg

Mercedes

78

10

Bottax

Williams

63



Modalità Carriera Campionato 1 con Williams Cosworth.

Campionato 2 con Force India Mercedes

1

Alonso

Ferrari

283

2

Webber

Red Bull

238

3

Massa

Ferrari

221

4

Vettel

Red Bull

201

5

Hamilton

McLaren

170

6

Bottax

Force India

168

7

Button

McLaren

133

8

Rosberg

Mercedes

100

9

Kubica

Renault

83

10

Sutil

Force India

81

Campionato 3 con Ferrari



1

Hamilton

McLaren

267

2

Alonso

Ferrari

233

3

Button

McLaren

231

4

Bottax

Ferrari

225

5

Vettel

Red Bull

182

6

Webber

Red Bull

155

7

Kubica

Renault

128

8

Rosberg

Mercedes

122

9

Schumacher

Mercedes

118

10

Petrov

Renault

72

Torna ai contenuti | Torna al menu