Codemasters F1 2011 - SCALEX SANREMO

Scalex Sanremo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Codemasters F1 2011

Ps3-Ps4 Games
Heikki Kovalainen prova la sua Lotus sulla Play 3

F1 2011 rappresenta una bella evoluzione rispetto alla precedente versione. Codemasters ha preso spunto dalle molte richieste pervenute dai vari forum, con i consigli degli utenti per migliorare un prodotto già molto buono. Ad esempio è stata inserita la modalità della carriera cooperativa on line e dello split screen. Sempre buono il modello di guida, un po' per tutti i gusti,  migliorabile il sistema dei danni, non ancora  troppo incisivo.

La Codemaster dichiara: "Vogliamo che F1 diventi un brand annuale come FIFA", così ha detto Steven Hood, capo designer del videogame, al lancio del gioco. Come per Fifa gli sviluppatori sono partiti dalle ottime basi della precedente edizione, ma soprattutto dalla corposa patch correttiva e dai feedback degli utenti per mettere in pista un prodotto che rappresenta un bel passo avanti. La novità di gioco maggiormente visibile è l'inserimento della Safety Car, che si troverà nelle simulazioni dal 20% di gara in sù, il rifacimento delle soste ai box, che in corso d'opera furono già ritoccate nella patch 2010, che obbligavano a soste interminabili al cambio gomme, in attesa che la pit-lane fosse sgombra da avversari.

Il meccanismo della Carriera è rimasto inalterato, si parte con una scuderia di basso profilo per tentare la scalata al mondiale e ai top team, raggiungendo obiettivi gara per gara, sfidando il proprio compagno di squadra e rispondendo alle domande della stampa. L'incisività delle domande rimane il tallone d'Achille, le domande si ripetono e pur cercando di rispondere "male" contro la squadra, una volta ottenuti in pista i risultati, difficilmente il nostro atteggiamento ne cambierà la sorte.

Non è un aspetto fondamentale, ma certamente contribuisce allo scopo di rendere la messa in scena del circus ancora più realistica. Una volta terminati gli anni di carriera si aprono un ventaglio di possibilità, tanto online quanto in single player. E' possibile dedicarci ai gran premi secchi e sfidare il cronometro, oppure al "Controtempo", che offre dei veri e propri scenari in cui correre secondo delle condizioni prestabilite, come meteo, gomme e ovviamente vettura e pista, tentando di vincere l'oro. Sul versante delle novità, possiamo ora dedicarci alla Carriera (o ai singoli gran premi) in due sulla stessa console mediante split screen. Una volta online nella parte competitiva vera e propria la griglia sarà completa con sedici giocatori pronti a sfidarsi e otto gestiti dalla CPU. Mentre nuova di zecca in questa versione troviamo la Carriera Online, con tutti gli annessi e connessi, giocabile in due come compagni di scuderia, ovviamente con un salvataggio separato rispetto a quella single player.

Una volta al volante come è la giocabilità complessiva ? Fra le tante richieste dei "piloti virtuali" è stato posto un forte accenno sulla IA degli avversari. Molte parole sono state spese dai programmatori in merito al miglioramento dell'intelligenza artificiale, ed ancor di più per creare verosimilmente lo svolgersi corretto della competizione in pista. Il primo impatto su questo lavoro è buono, il consiglio è di mettere un settaggio più elevato e poi di adattarlo in base alle proprie esigenze, in ogni caso il gioco non sconfina mai in una versione arcade.
Gli sviluppatori sono stati bravi nel realizzare un handling davvero scalabile, basta insomma abbassare di una tacca il traction control per avvertire immediatamente cambiamenti importanti al volante, che ci costringono a ripensare il nostro stile di guida, senza comunque un'impennata brusca della curva di apprendimento.
Giocare con i settaggi e con il livello di difficoltà (quattro disponibili) ci permette di configurare al meglio la nostra esperienza di gioco, basta non abusarne però visto che il tasso di sfida (inter)medio non è certamente uno scoglio e se scelto insieme agli aiuti attivati può rendere F1 2011 sin troppo facile in alcuni frangenti, con avversari modello Massa, ovvero lenti e poco avvezzi al sorpasso.
Maggiore attenzione alla riproduzione delle sconnessioni e delle diverse tipologie di grip dei tracciati. Le vetture sobbalzano e si scompongono, e se si decide di giocare senza aiuti cordoli e piccole escursioni diventano nostri nemici giurati, anche perchè bisogna dimenticare del tutto le aperture brutali dopo le staccate pena grandi giravolte, con conseguenti perdite di preziosi secondi e rischio incidenti se in piena bagarre o in partenza (utili quindi i replay a nostra disposizione, sino ad un massimo di quattro). In quest'ottica, come scritto precedentemente, F1 2011 diventa un titolo tosto e impegnativo, e che richiede una certa pratica e non una guida allegra da gita domenicale.

Questo vuol dire che siamo di fronte ad una simulazione a tutto tondo? Il Senior Producer del titolo è tale Paul Jeal, già conosciuto per un capolavoro come GP Legends e questo è gia un buon indice dell'approccio degli sviluppatori. La nostra sensazione è che i compromessi ovviamente ci sono, l'utenza console è così vasta e eterogenea che è impossibile fare una scelta drastica sia in un senso sia nell'altro, ma l'estrema scalabilità del titolo permette a tutti di godere di F1 2011 nel miglior modo possibile
Il modello dei danni, e le varie contingenze della gara contribuiscono a rafforzare questa sensazione. L'anno passato gli incidenti hanno dato l'impressione di essere sotto dimensionati per evitare frustrazione. Ora la situazione è certamente migliorata, gli urti come rotture di musetti, sospensioni e forature sono più frequenti e ci costringono a tornare ai box per le necessarie riparazioni. La pecca è che però la differenza  fra danno importante e leggero non è ben chiaro, e quando la CPU ci segnala che qualcosa non va la macchina non è sbilanciata come dovrebbe.  Azzeccata invece è l'implementazione di un sistema di "perdita di prestazioni" a seconda del nostro stile di guida. Più questo è pulito più la vettura girerà al meglio, più sarà aggressivo, sporco e senza riguardi per il motore e tutte le altre parti meccaniche, prima si usurerà con conseguenze sul lungo periodo importanti. E sempre sul fronte della verosimiglianza l'inserimento del  Kers (tasto L1) e DRS (triangolo per ps3). In casualità del tutto random potrebbero non funzionare, e solo dopo qualche giro il nostro ingegnere ci dirà se il problema è stato risolto. Buona l'intelligenza artificiale, più "indiavolata" rispetto al passato, a patto ovviamente .di non scendere troppo col livello di difficoltà.

Tecnicamente parlando non si notano evidentissimi miglioramenti rispetto all'anno passato, anche qui si parla di evoluzione e non di stravolgimento.  Il frame rate è sempre il solito, ancorato ai trenta fotogrammi al secondo seppur con sporadici rallentamenti. Le vetture sono ricche poligonalmente, con texture dettagliate con un lavoro buono.  Di un certo peso invece tutto l'impegno profuso sugli elementi a bordo pista, il lavoro di restyling dei circuiti è importante, con addirittura l'aggiunta di interi elementi architettonici che mancavano l'anno scorso. L'unica pecca è relativa alla texture ai box, meccanici e piloti, forse migliorabile.
Ottimo l'effetto meteo, sappiamo cosa significa la pioggia in F1, ovvero l'eterno balletto tra gomme intermedie e da bagnato e la perdita di grip anche in rettilineo. A complicare il tutto ci si mette, come chi ha giocato la precedente versione sa, il credibile e terribile effetto dell'acqua alzata dalla macchina che ci precede. L'ingegnere via radio, lo sentiremo molte più volte: Ci dirà tutto quello che è necessario sapere, non si limiterà a dirci di spingere di più:. Ci informa sugli altri piloti, chi entra e chi esce dai box, che gomme montano, il ritmo di gara, lo stato dei freni e degli pneumatici, rotture o presunte tali. Insomma anche sotto questo punto di vista il fattore immersività è totale....

Grand Prix

Aereodin

Frenata

Bilanc.

Sospensioni

allineamento

cambio/gears

Australia

Fr. 7 Re. 8

48/52 Med

5 / 10

1/2  6/6

-3,20 -1,50 0,09 0,35

Malesya

Fr.6  Re.7

48/52 Med

8 /  9

1/1  8/6

-3,50 -1,50 1,50 0,50

China

Fr.5  Re.7

48/52 Med

3 /  8

1/2  8/8

-3,50 -1,30 0,10 0,32

Turkey

Fr.5  Re.6

50/50 Med

6 /  7

2/2  11/11

-3,10 -1,50 0,11 0,32

130/161/190/220/252/284/321

Spain

Fr.8  Re.10

46/54 High

6 / 10

2/1  8/8

-3,30 -1,10 0,08 0,29

Monaco

Fr.9  Re. 9

48/52 Med

5 /  7

2/2  7/7

-3,20 -1,50 0,15 0,50

standard + 1 step

Canada

Fr.2  Re.6

50/50 High

10 / 6

1/1  11/6

-3,50 -1,40 0,08 0,35

132/163/195/227/259/293/331

Europe

Fr.7  Re. 7

48/52 High

4 / 5

3/3  9/9

-3,00 -0,90 0,12 0,38

130/161/191/222/255/290/329

Utd Kingdom

Fr.10 Re. 8

48/52 L-M

4 / 9

2/2  7/8

-3,50 -1,00 0,08 0,35

141/173/205/237/271/306/347

Deutschland

Fr.9 Re.8

48/52 High

4 / 8

3/3 8/9

-3,40 -1,40 0,14 0,47

129/160/190/220/254/284/322

Hungary

Fr.7 Re.

46/54 Med

3 / 9

1/1 9/8

-3,50 -1,50 0,12 0,35

130 161 190 220 252 284 321

Belgium

Fr.3 Re.6

53/47 Med

4 / 8

2/2 7/10

-3,30 -0,50 0,12 0,44

137/169/201/232/267/305/347

Italia

Fr.7 Re.8

50/50 High

10/10

2/2 8/10

-3,50 -1,40 0,15 0,38

143/183/212/250/280/312/352

Singapore

Fr. 8 Re.8

50/50 Med

9/11

1/1 11/6

-3,50 -1,50 0,05 0,20

144/175/205/230/266/302/333

Japan

Fr.11Re.11

50/50 Med

9/11

3/3 9/11

-3,40 -1,40 0,14 0,47

141/174/205/237/273/306/347

Korea

Fr.11Re.11

50/50 Med

02/10

2/2 9/9

-3,20 -1,20 0,13 0,41

134/169/201/232/266/300/345

INdia

Fr.8 Re.8

52/48 high

02/10

2/2 10/10

-3,20 -1,20 0,14 0,44

default

Abu Dhabi

Fr.8 Re.11

47/53 Med

02/09

1/1  8/6

-3,10 -1,50 0,11 0,35

145/177/206/238/273/308/348

LA TABELLA SOPRA RIPORTA GLI ASSETTI SCELTI PER LA COMPETIZIONE IN MODALITA "CARRIERA" WEEK END COMPLETO, DURATA 75%, ia Professionista.

1° campionato Scalex Sanremo con Williams Fw 33

2°Campionato Scalex Sanremo con Lotus Renault






Torna ai contenuti | Torna al menu