Lindos - SCALEX SANREMO

Scalex Sanremo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Lindos

Extra & Travel
Cenni storici della citta di Lindos - Rodi

Lindos si trova sulla costa orientale dell'Isola di Rodi, ad una distanza di 56 km. dal capoluogo, è stata dichiarata "bene culturale da tutelare" pertanto è stato possibile mantenerne il colore locale tradizionale. Turisti greci che stranieri vengono ad ammirare il villaggio con la sua Acropoli ed a nuotare nel suo mare meraviglioso. Secondo Omero, Lindos fu costruita dai Dori insieme alle città di Kamiros e Ialissos nel 12° secolo a.C. Quando Rodi partecipò alla guerra di Troia, le nove navi che mandò provenivano tutte da Lindos. Questo dimostra che a quell'epoca Lindos era la città più potente dell'isola. Nel 7° secolo a.C. pare che gli abitanti di Lindos avessero fondato varie colonie, e la loro flotta controllava una gran parte del commercio e della navigazione mercantile del Mediterraneo. Gli abitanti di Lindos furono i primi a varare un codice di diritto della navigazione, questa legge fu in seguito adottata dai Romani e, fino ai giorni nostri, costituisce il fondamento del diritto della navigazione.
Nel campo delle arti, Lindos si distingueva per la sua scultura. Le sue statue di bronzo erano note per l'impareggiabile arte: il famoso Colosso di Rodi, fu opera di un artista di Lindos, Charis. La città raggiunse l'apogeo della sua forza nel 6° sec. a.C., durante il regno di Cleobulo. Fu il primo ad aver l'idea di finanziare i lavori pubblici con i contributi dei cittadini.

Propilei

Dall'Acropoli, guardando in basso dal lato sud si scorge ad un'altezza di 116 metri il piccolo porto di S.Paolo.
Il suo nome deriva dalla tradizione secondo cui l'Apostolo Paolo sbarcò in questa baia quando venne a predicare il Cristianesimo presso il popolo di Lindos, intorno al 57 d.C.

Nelle foto sotto il caratteristico paese fatto di case bianche ed un panorama visibile dell'arcipelago lato nord dell'Acropoli.
La visita complessiva del sito archeologico impiega un'oretta e mezza.

Oltre all'Acropoli davvero interessante è la visita del villaggio stesso, un bazaar pieno di locali, con botteghe di souvenir, ma anche qualche bel negozio non solo turistico. GLi scorci caratteristici si trovano ovunque, ma particolare è la pavimentazione che di epoca bizantina, è composta da sassolini bianchi e neri "incastonati" nel terreno formando formidabili disegni geometrici. Questa tecnica viene chiamata "coclaki".

L'origine dell'Isola è legata ad una leggenda secondo la quale quando Zeus vinse i Giganti e divenne il signore della terra, decise di dividersela con gli dei dell'Olimpo. Durante la divisione che seguì era assente il dio Helios e nessuno si ricordò di metterlo nel sorteggio, ma così, non partecipando il dio ignaro fu lasciato senza terra alcuna. Quando Helios tornò si lamentò con Zeus dell'ingiustizia subita e chiese al padre che la terra che sarebbe emersa dal mare, sarebbe diventata sua. Difatti mentre parlava, cominciò piano piano ad emergere dal fondo dell'azzurissimo mare una stupenda isola cosparsa di fiori. Helios pazzo di felicità la irrorò della sua luce e la fece diventare la più bella di tutto l'Egeo.
Questa la leggenda, ma il mare è davvero fantastico, le foto lo testimoniano, acque cristalline, calde, mare poco mosso al lato est, mentre per gli amanti del wind surf il lato ovest è sempre ventilato.

Dove pernottare ?

Le soluzioni che si possono trovare sono molteplici: si passa dalla possibilità di affittare un alloggio ad altre caratteristiche pensioni nel centro del villaggio. Non si trovano catene alberghiere, ma alcuni ottimi hotel a 4 e 5 stelle con confort decisamente in linea alla spesa da sostenere. In allegato il link di tripadvisor per farsi un'idea, ma al tempo stesso alcune foto di Lindos Blu, una struttura ricettiva che ha vinto numerosi awards per la sua ospitalità, cibo e servizi.



    


Lindos blu swimming pool & dining open space
Torna ai contenuti | Torna al menu