Slot F1 - SCALEX SANREMO

Scalex Sanremo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Slot F1

Slotcar
Non dimentichiamoci da dove "Scalexsanremo" è partita, pertanto andiamo ad aggiornare la pagina con le novità previste dalla casa inglese per il 2018:
Williams FW 40 - code C3955
Luglio 2018 #19.

Se l'anno scorso è stato avaro, per non dire totalmente assente in quanto a nuove uscite sul fronte delle F.1 made by Scalextric, il 2018 ci porta due nuovi telai e due nuove vetture.
La Williams guidata dall'ormai "ex" Felipe Massa, una vettura motorizzata Mercedes che non ha conosciuto grandi fortune, se non per un fortunoso 2.ndo posto acciuffato nel G.P. dell'Azerbaijan dal deb Lance Stroll. Il pilota brasiliano Felipe Massa invece, sempre fuori dal podio, ha concluso la stagione e la propria carriera all'undicesimo posto.


McLaren-Honda MCL32
Luglio 2018  #14 - code 3956

Un nuovo telaio nel range di Scalextric è sempre un'ottima cosa, purtroppo nella storia della casa anglosassone, in modo quasi esclusivo si è dato spazio unicamente ai team made in Britain, fatto salvo il breve triennio di diritti Ferrari, ma parliamo dell'era Schummy... il nuovo chassis è la tanto discussa McLaren che per 3 anni è stata motorizzata dal deludentissimo propulsore Honda, un binomio che sulla carta avrebbe dovuto far rivivere i fasti del periodo Senna-Prost, ma che nei fatti, è stata una debacle assoluta, con zero podi raggiunti e sopratutto una vettura mai competitiva, sebbene nelle mani di uno dei piloti più talentuosi del Circus, Fernando Alonso. Con una vettura simile poco ha potuto, il 15° posto nella classifica piloti per lo Spagnolo, di certo non rappresenta il suo valore.
Discorso diverso per il modellino Scalextric, che non avendo un "motorino" Honda darà le sue soddisfazioni, sopratutto se il telaio McLaren sarà così buono come dicono anche sulle piste "slot".


Lancia Stratos 1976-1978  

Sebbene non è il Rally quello che seguiamo, non potevamo non dedicare uno spazio in questa pagina per questa iconica macchina, la Lancia Stratos, pluri-campione del Mondo e veramente un sogno agli occhi di ogni bambino nell'era '70. La Scalextric la produrra' in versione limitata e speciale per la versione "Sanremo"...ed essendo noi, "SCalex-Sanremo"..... Vivendo nella Città dei fiori, del Festival, ed una volta di una delle storiche tappe del Mondiale Rally, ho avuto il piacere di vederla più volte su strada ed oltre la versione ufficiale con i colori "Alitalia", non potevamo non inserire la livrea della Stratos 1978 "Pirelli" dedicata al Rally di Sanremo, vincitrice con Marku Allen e co-pilota Ilkka Kivimaki.


Per questo 2017 Scalextric ha dovuto ricorrere alla politica dello "spendimeno", sicuramente causata dalle terrificanti royalties che la "piccola" casa di modellini inglese avrebbe dovuto pagare per la fedele riproduzione delle F.1 schierate sulla grid-lane. Vien da sè che i 3 modelli sopra proposti, hanno in due casi, una somiglianza tale da ricordare in tutto e per tutto i team della Force India, della Sauber ed una possibile Haas.
Riproduzioni non fedeli, dicevamo, ma che hanno quel sapore e quei colori, su un telaio di una McLaren dell'anno precedente.... quasi a costo zero.

Range Scalextric 2017: e se riprodurre le F.1 attuali, ha un costo per certi versi proibitivo, siccome nella maggiore dei casi è un hobby che coinvolge chi all'epoca era bambino, allora perchè non riproporre, riviste con la tecnologia attuale, alcune "iconiche" Formula Uno di fine anni '60 e '70 ?
Partendo dall'alto la Lotus 49 di Graham Hill (la prima in assoluto con gli sponsors non tecnici), la Brabham BT26A guidata da Jacky Ickx, la Lotus 72 nei colori storici JPS guidata dal compianto Ronnie Petterson (caratteristico il casco con la visiera gialla) e la Tyrrell 002 dell'altrettanto talentuoso quanto sfortunato Cevert.
Sono modellini splendidi, che hanno nel gusto del ricordo uno dei valori più grandi, ma ancora tanto da apprezzare solo per riaverli nel proprio box insieme a quelle F1 del 2000 !

Una panoramica dei modelli di F.1 prodotti da Scalextric di oggi e quelli di ieri grazie alla collezione privata di Neil Sutton da Birmingham...


Torna ai contenuti | Torna al menu