Teksonor - SCALEX SANREMO

Scalex Sanremo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Teksonor

Musica
Questa pagina è per gli amanti della Musica, per chi non si accontenta di un Ipod a caso, per chi ha le orecchie "allenate" a capire la differenza che passa fra un disco in vinile "suonato bene", un Cd o la musica compressa in Mp3 e vari.
Il mercato discografico sta riscoprendo un autentico "boom" dei "dischi neri" e con esso i vecchi giradischi son tornati di moda: io ne avevo a riposo alcuni, ma, quando è stato il momento di "scongelarne" uno, la scelta fra Technics, Marantz ed il meno conosciuto Teksonor, non ho avuto dubbi.
Ripulito, restaurato, rigenerato con una nuova testina Ortofon, ora vive una seconda vita, dopo essere stato maltrattato nella mia adolescenza in modo improprio insieme ad altri due compagni: i famigerati Technics sl1200 e relativo mixer Karma.
Premessa doverosa: non è una pagina per esoterici dell'Hi-end, perchè non sarei proprio in grado...
Fra Radio e discoteca dove "bazzicavo" (diciamo così) trovai i "Piatti" prodotti da questa ditta sconosciuta, visto che ovunque era un monopolio della nipponica Technics.
Dovetti lottare non poco in casa, ma alla fine i miei genitori mi permisero l'acquisto del Teksonor. Prima dell'attuale restauro, ho recuperato alcune info scoprendo, 3 decenni dopo, d'aver per le mani un autentico gioiello dell'artigianato italiano.

L' azienda nasceva dalle competenze di alcuni tecnici ex Lenco, ma purtoppo nacque proprio nel momento sbagliato.
Fù fondata con buoni capitali e ottime conoscenze tecniche: tutto veniva prodotto in casa; il loro braccio "base" era prodotto internamente nello stabilimento di Muccia (nelle Marche) ed avevano una dotazione di macchinari di precisione tutt' altro che banale.
La loro sfortuna fù quella di introdurre sul mercato un prodotto (giradischi analogico di qualità)  proprio negli anni in cui naque la diffusione commerciale del Compact Disc.
Infatti, l' azienda, subi' il tracollo commerciale dell' "oggetto giradischi" piuttosto che non avere riconosciute le qualità delle loro macchine.
Altrimenti, come giradischi a base rigida, è superiore a tanti oggetti venerati made in GB.
Teksonor MT101 - descrizione tecnica e non solo.

Il modello Tks MT101 è un giradischi manuale a trazione diretta, con motore servocontrollato elettronicamente del peso di circa 14 Kg!
Il basamento in materiale composito è quanto di più adatto a diminuire le microvibrazioni sonore interne. Inoltre, viene appesantito da circa un kilo e mezzo di materiale inerte per un duplice scopo: l'eliminazione dell'effetto di acoustic-feedback e la distribuzione uniforme del peso totale del giradischi sui quattro piedini: si noti che questo è il solo giradischi sul mercato che presenti tale caratteristica.
Questo modello, come tutti gli altri della serie MT, è equipaggiato con speciali piedini ammortizzatori regolabili che assolvono alla duplice funzione: a) messa in piano del piatto, agendo sulla regolazione in altezza; b) smorzamento delle vibrazioni.
Il piatto "brevetto SIV" è frutto di accurata ricerca tecnologica e dei materiali, in seguito a studi e perfezionamenti condotti dalla Teksonor stessa.


E' composto di materiale policarbonato, al quale è stato aggiunto del vetro metalizzato superficialmente; esso va usato senza copripiatto allo scopo di mettere a massa attraverso la vernice argento, conduttiva, l'intero piano del disco con l'asse del motore e scaricare a terra l'elettricità statica che si forma. Il coperchio è in metacrilato ottenuto da fusione e prodotto direttamente da Teksonor.
Il giradischi è di serie fornito con braccio Teksonor. Sui giradischi può anche essere installato un braccio diverso per il quale di norma viene fornito un adeguato inserto. In quest'ultimo caso è estremamente importante ricordare che il braccio deve essere messo a terra utilizzando il punto di messa a terra del giradischi, che è individuato nella vite con dado situata al di sotto del fondello del giradischi.
Ricordiamo che le bronzine del motore sono autolubrificanti e che quindi non deve essere aggiunto in nessun caso altro lubrificante.

Ma suona meglio il Vinile o il CD (l'Mp3 manco lo prendiamo in considerazione, utile, smart, ma proprio "NO!"), o siamo solo davanti ad una moda-vintage ?
La mia risposta molto modesta per semplicità e contenuti è questa: se si ha a disposizione un buon giradischi, che monta una testina di nuova concezione, un pre-ampli discreto e si mette a girare sul piatto un vinile a 180 gr, il Compact Disc le prende di brutto, perchè il vecchio disco ha un'anima, non so dove, ma ce l'ha.
Il suono acquista profondità in modo incredibile, inoltre chi ha la possibilità e la disponibilità di montare un ampli analogico anni '70/'80 aumenta ancora il gap.


Detta cosi...entriamo nello specifico per intenderci meglio; "buon giradischi": il Teksonor di questa pagina è un buon (solo buono ?) giradischi, molti Technics lo sono, molti anziani piatti dei nostri vecchi "Stereo" (nome improprio degli Hi-fi anni '80) lo sono. Oggi però a causa di questa nuova nuova moda, è un rifiorire di tanti aggeggi che sì hanno una puntina, un braccio ed un piatto che gira, ma qualitativamente con quelli si va davvero poco lontano...e pur facendo qualche Km in più, aprendo il portafoglio al Q.B., manca sempre il discorso dell'anima (che non si compra).
"Testina di nuova concezione": io montavo una Shure N95, non proprio una porcheria, il restauratore mi dice: "Vieni a sentire come suonano queste...", molto diffidente all'inizio mi son dovuto ricredere, ho messo su una Ortofon 2m  e diamine se la musica cambia...
"Pre-ampli": molti, se non tutti, gli Ampli New Gen non prevedono l'ingresso Phono, bisogna ovviare con un "pre": comprandolo di bassa qualità si va ad inficiare quanto sopra. "Ampli-'70-'80" al contrario hanno l'ingresso Phono, ma per chi come me ha nel suo Yamaha HT, sinto-tuner, Tv-Lcd, CD Denon, PlayStation 3 e 4, uscita 5.0, la possibilità/disponibilità diventa impossibilità.
"Vinili 180gr.": i puristi storceranno il naso, ma bisogna riconoscere che le nuove tecnologie fanno suonare i solchi in modo fenomenale.  


Ho scritto un insieme di cose ovvie per chi "mastica" la materia, queste sono piccole info-pillole per chi vuole passare dal Cd al Vinile e NON trovarsi poi deluso... a patto di seguire queste poche indicazioni, avrete delle soddisfazioni. Il Compact Disc oggi è bistrattato, non lo vuole più nessuno: ha perso la praticità di un tempo, Mp3 e Streaming l'hanno surclassato; manco più le automobili vogliono i dischetti argentati, a vantaggio del Bluetooth. In casa il vecchio giradischi è diventato un oggetto bello da vedere, un manufatto che abbina antichità e modernità allo stesso tempo; e vogliamo parlare del piacere di avere per le mani una copertina di un 33giri contro quelle digipack ?
Ma non dimentichiamoci però che il CD sul 90% degli impianti suona pulito, affidabile, un carroarmato, non sbaglia (quasi) mai, dà un suono buono ovunque, dura 70 minuti...a discapito un suono in bit freddino, uniforme, tutto lì stampato in 2D...  
Specifications :

Drive method: direct drive
Motor: DC 18V quartz controlled
Speeds: 33 and 45rpm
Wow and flutter: 0.05%
Rumble: 68dB
Platter: 320mm, 1.4kg
Dimensions: 470 x 370 x 66mm
Weight: 11kg

Click on the "E bay" logo to see some vinyl on sell

Description
The TKS MT-301 features a direct drive transmission system plus a high degree of quality finishing making it ideal for the most qualified enthusiasts of the Hi-Fi sector.The platter, cast in a special aluminium alloy, measures 320 mm in diameter and weighs about 1.4 Kg.
The base is constructed of several layers of particle board which, along with the minimizing effect provided by our anti-vibration feet, virtually eliminates any resonance caused by acoustic vibrations.

In addition, about 1.6 Kg. of ferrous material has been added to the base to provide almost uniform weight distribution on all four feet (in effect the center of gravity of the mass which coincides with the geometric center of gravity).
The cover is in high quality acrylic material.

The TKS MT line of turntables have TKS or SME arm as standard equipment. It is possible, however to use other types of arms.
Our models, which are all crafted with high quality wood veneering, are available in black or in the natural wood colour.

Torna ai contenuti | Torna al menu